benandante

Riflessologia plantare

Riflessologia plantare

Origine: E’una tecnica nata circa 5000 anni  fa in Cina, India e Egitto. In Occidente colui che l’ha resa una disciplina ad oggi nota come terapia delle “zone riflesse” è stato il medico americano W. Fitzgerald che, nel 1902, sperimentò per la prima volta su alcuni pazienti le conseguenze benefiche della pressione su determinate zone del corpo umano. In particolare, i suoi esperimenti si focalizzarono sui piedi, ricchi di terminazioni nervose. A sviluppare poi i concetti del maestro è soprattutto la fisioterapista Eunice Ingham, oggi considerata la vera fondatrice della moderna riflessoterapia.

La riflessologia non è solo un massaggio rilassante o antistress, ma una tecnica olistica completa. Il metodo agisce sulla componente organica della pianta del piede, interpreta le alterazioni attraverso le dita, orienta l'energia Il massaggio può essere lento o veloce, leggero o profondo.

E’ un massaggio o, più precisamente, una tecnica di micro- stimolazione puntiforme applicata principalmente sui piedi, partendo dal presupposto che le zone riflessogene dei piedi sarebbero corrispondenti a organi interni e altre parti del corpo. Ogni risposta dell’organismo è la conseguenza di uno stimolo che, partendo da un punto specifico presente sul piede, arriva al cervello oppure al midollo spinale. Da qui poi lo stimolo viene diretto ad un organo, muscolo o ghiandola.

Sono figlia di podologi, che mi hanno trasmesso l'amore ed il rispetto per il corpo ma sopratutto per i piedi.

Un consiglio: mettete i piedi a bagno in una bacinella piena d'acqua e di sale marino integrale e lasciateli  riposare per una mezz'ora. Poi, una crema per ammorbidirvi la pelle. Fate una fotografia del piede prima e dopo la coccola. Vedrete la differenza!

Un altro consiglio: la prima cosa che dovete fare quando arrivate a casa, toglietevi le scarpe. Il piedi ha bisogno di essere libero, di non avere supporti, di sentire il terreno. Mi chiedono sempre spiegazioni su come e perchè questa tecnica funziona. La risposta cerca di essere piena di parole comprensibili, ma sopratutto piena del mio amore per questa che non è solo una tecnica.

La pianta dei piedi è un terminale attraversato dai meridiani della medicina cinese, dalle terminazioni del nervo vago, sostiene il nostro corpo, ci permette di andare avanti. Ecco. I piedi ci  permettono di andare avanti.

La cura dei piedi è la cura del nostro movimento, degli organi e delle strutture anatomiche che si permettono di muoverci.

Uso creme, oli essenziali e fiori di Bach. I piedi ringraziano. Sempre.