Mostra contenuti secondari Nascondi contenuti secondari

Fiori di Bach

Floriterapia

E. Bach aveva la certezza che ognuno di noi potesse essere il medico di se stesso.

Il metodo che ha intuito è alla portata di tutti, facile, armonioso, non invasivo, un aiuto al proprio equilibrio.

I corsi che tengo presso l'Accademia delle Arti Erboristiche parlano di questo, stimolano alla ricerca ed alla conoscenza di sè, all'uso dei fiori e innanzitutto alla comprensione che la malattia è un messaggio

che parla del disagio dell'anima.

 

Spesso mi chiedono: ma i fiori di bach funzionano? I fiori di Bach funzionano su molte persone e su altre no.

Non esiste al mondo una soluzione miracolosa, che risolva definitivamente i problemi.

Esiste semplicemente il rendersi conto che, se ci siamo ammalati possiamo tentare di guarire e che la conoscenza delle nostre emozioni può portarci alla guarigione

  

 

 

 

 

 

Prendersi cura: il mondo femminile conosce bene la cura.

Curiamo la nostra anima, che' quando sarà quieta curerà il mondo.

 

Nato negli anni '50 con Carl Rogers, il Counseling è un insieme di abilità, atteggiamenti e tecniche finalizzate ad "aiutare la persona ad aiutarsi". "Il rapporto di Counseling”, scrive Rogers, "è una situazione in cui calore umano, accettazione obiettiva e assenza di ogni coercizione o pressione personale da parte di un counselor, permette l'espressione più libera di sentimenti, comportamento o problemi da parte del cliente. Il rapporto deve essere ben strutturato, con limiti di tempo, di dipendenza, di manifestazioni aggressive riferiti in particolare al soggetto e limiti di responsabilità, di affetto che il counselor impone a se stesso. In questa particolare esperienza di libertà emotiva, l'individuo è libero di riconoscere e capire i suoi impulsi e le sue strutture comportamentali, positive e negative, come in nessun altro rapporto esistente".

Il Counseling si struttura come relazione di aiuto non direttiva fondata su un ascolto attivo ed empatico che, in un clima di attenzione e rispetto, pone al centro il cliente con i suoi bisogni, fragilità, aspirazioni e domande. Il counselor è chiamato a focalizzare e valorizzare le potenzialità di cambiamento del cliente e i suoi talenti e risorse inespresse. A questo proposito Rollo May, uno dei padri fondatori del Counseling insieme a Carl Rogers, afferma che "il counselor ha il compito di favorire lo sviluppo e l'utilizzazione delle potenzialità del cliente, aiutandolo a superare eventuali problemi di personalità che gli impediscono di esprimersi pienamente e liberamente nel mondo esterno [...] il superamento del problema, la vera trasformazione, comunque, spetta solamente al cliente: il counselor può solo guidarlo, con empatia e rispetto, a ritrovare la libertà di essere se stesso”.

Il Counseling è una professione trasversale che può coinvolgere numerosi ambiti. Le applicazioni  del Counseling sono infatti molteplici; oltre a quello individuale, si considerino declinazioni specifiche in vari settori, in cui la qualità della comunicazione interpersonale è fondamentale per un corretto funzionamento di tutta la struttura.

 “In ogni organismo, uomo compreso, c’è un flusso costante teso alla realizzazione costruttiva delle sue possibilità intrinseche, una tendenza naturale alla crescita"  - Carl Rogers